Post in evidenza

Recovery - Access, Excel, Word, Office and Photo recovery tools and other blog procedures

During these years I had necessity to recover various files (.doc, mdb, .xls, photos...)  I utilized various free tools (here is an exampl...

Server - Tool per scansione pc

Con EMCO Network Software Scanner è possibile fare l'inventario di tutti i programmi, oltre agli aggiornamenti di Windows e Office, che sono installati nei singoli computer.

EMCO Network Software Scanner per funzionare richiede sia installato Microsoft .NET Framework 3.5 SP1 ed è compatibile con i sistemi operativi Microsoft da Windows XP sino a Windows 7, sia a 32 bit che a 64 bit.

Dovete essere amministratori del vostro computer per poterlo usare, se volete consultare la lista completa dei requisiti collegatevi in questa pagina.

Programmi - PDFzilla Gratis fino al 14 Marzo 2012

PDFZilla è un convertitore di file PDF in formati file modificabili come Doc, Rtf, Txt, HTML, Swf, Bmp, Jpg, Gif e Tif, viene offerto in regalo sino al 14 Marzo 2012, basta collegarsi a questa pagina dove troverete il link per scaricare il programma e il seriale per registrarlo.

Il codice di registrazione che ho utilizzato io è il seguente:

AQ1W6F0ZN7Q9D85

Ripreso dalla pagina di PDFzilla 

[update 18/11/2015]


I got advice about an alternative product that edit and convert your PDF both for free:


PDF Editor and PDF Converter, which could help individuals expedite the process of editing and converting PDFs at absolutely no cost. 


Consider that PDF Editor and PDF Converter they are both completely free for anyone to use. 

Hyper-V - Installare Integration Component su una macchina linux

Supponiamo di avere una macchina virtuale linux (nel nostro caso Centos 5.5 oppure Clearos 5.2) e dobbiamo installare gli Integration Component per Hyper-V

Prima di tutto scarichiamo l'Iso di nostro interesse dai seguenti link.

Poi installiamo i compilatori C/C++

yum install gcc gcc-c++ autoconf automake
yum groupinstall "Development Tools" 
Al seguente link si scarica la versione 3.1
http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?id=26837  
Per le distribuzioni:
  • Red Hat Enterprise Linux 6.0 and 6.1 x86 and x64 (Up to 4 vCPU)
  • CentOS 6.0 x86 and x64 (Up to 4 vCPU) 
Una nota, se si sta usando SLES 10 SP3 / 11, or RHEL 5.2 / 5.3 / 5.4 / 5.5 è necessario usare le IC 2.1 precedenti:


Per l'installazione, dal manuale:

# mkdir /mnt/cdrom

# mount /dev/cdrom /mnt/cdrom

Copy Linux Integration Services to the virtual machine. For example:

# mkdir /opt/linux_ic_v21_rtm

# cp –R /mnt/cdrom/* /opt/linux_ic_v21_rtm

As the root user, run the following command to compile and install the synthetic drivers. A reboot is required after installation.

# cd /opt/linux_ic_v21_rtm/

# make

# make install

# reboot  


<------------>


Dal seguente forum di ClearOs:

http://www.clearfoundation.com/component/option,com_kunena/Itemid,232/catid,40/func,view/id,6152/



Linux Integration Services v2.1 for Windows Server 2008 Hyper-V R2 has been released by Microsoft.

www.microsoft.com/downloads/details.aspx...22-9b4c-f4b5b9b64551

The installation steps differ slightly from the Release Candidate v2.1 driver (see prior post).

The v2.1 RTM steps are:

yum groupinstall "Development Tools"
yum update
mkdir -p /mnt/cdrom
mount /dev/cdrom /mnt/cdrom
cp -rp /mnt/cdrom /opt/linux_ic_v21_rtm
umount /mnt/cdrom
cd /opt/linux_ic_v21_rtm
make
make install

If your installation worked correctly you will see messages that look like this:

[root@clearos52 linux_ic_v21_rtm]# make
Building all modules...
make -C /lib/modules/2.6.18-194.8.1.v5/build SUBDIRS=/opt/linux_ic_v21_rtm/src modules
make[1]: Entering directory `/usr/src/kernels/2.6.18-194.8.1.v5-i686'
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/BlkVsc.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/osd.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/blkvsc_drv.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/RndisFilter.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/NetVsc.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/netvsc_drv.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/StorVsc.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/storvsc_drv.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/Sources.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus_drv.o
/opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus_drv.c: In function âshutdown_linux_systemâ:
/opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus_drv.c:335: warning: ISO C90 forbids mixed declarations and code
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/netvsc.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/storvsc.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/blkvsc.o
CC [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/hv_timesource.o
Building modules, stage 2.
MODPOST
CC /opt/linux_ic_v21_rtm/src/blkvsc.mod.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/blkvsc.ko
CC /opt/linux_ic_v21_rtm/src/hv_timesource.mod.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/hv_timesource.ko
CC /opt/linux_ic_v21_rtm/src/netvsc.mod.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/netvsc.ko
CC /opt/linux_ic_v21_rtm/src/storvsc.mod.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/storvsc.ko
CC /opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus.mod.o
LD [M] /opt/linux_ic_v21_rtm/src/vmbus.ko
make[1]: Leaving directory `/usr/src/kernels/2.6.18-194.8.1.v5-i686'
done.
Your system supports the timesource driver, including driver in the build


[root@clearos52 linux_ic_v21_rtm]# make install
Building all modules...
make -C /lib/modules/2.6.18-194.8.1.v5/build SUBDIRS=/opt/linux_ic_v21_rtm/src modules
make[1]: Entering directory `/usr/src/kernels/2.6.18-194.8.1.v5-i686'
Building modules, stage 2.
MODPOST
make[1]: Leaving directory `/usr/src/kernels/2.6.18-194.8.1.v5-i686'
done.
Your system supports the timesource driver, including driver in the build
install -d -m0755 /lib/modules/2.6.18-194.8.1.v5/kernel/drivers/vmbus
install -m0755 /opt/linux_ic_v21_rtm/src/Module*.symvers /lib/modules/2.6.18-194.8.1.v5/kernel/drivers/vmbus
Installing vmbus driver...done.
Installing netvsc driver...done.
Installing storvsc driver...done.
Installing blkvsc driver...done.
Installing hv_timesource driver...done.
Updating module dependencies. This may take a while...depmod
done.
Installing various udev rules and scripts...install -d -m0755 /etc/vmbus
install -m0755 ./scripts/vmbus.uevent /etc/vmbus
install -m0755 ./scripts/netvsc.uevent /etc/vmbus
install -m0644 ./scripts/20-vmbus.rules /etc/udev/rules.d
install -m0644 ./scripts/20-netvsc.rules /etc/udev/rules.d
udevcontrol reload_rules
done.
Updating initrd image...
chmod 755 ./scripts/updateinitrd.pl
./scripts/updateinitrd.pl vmbus netvsc storvsc blkvsc hv_timesource
Backing up /boot/initrd-2.6.18-194.8.1.v5.img to /boot/initrd-2.6.18-194.8.1.v5.img.backup0
Done. Updated /boot/initrd-2.6.18-194.8.1.v5.img
Updating grub conf file...
chmod 755 ./scripts/updategrub.pl
./scripts/updategrub.pl
Done.
Installing vmbus startup script...
install -m0755 ./scripts/vmbus /etc/init.d
chkconfig --add vmbus
/etc/init.d/vmbus start
[root@clearos52 linux_ic_v21_rtm]# [ OK ]

This command will verify the Microsoft driver was installed:

[root@clearos52 linux_ic_v21_rtm]# lsmod | grep vsc

storvsc 32548 0
vmbus 52168 1 storvsc
scsi_mod 141908 8 storvsc,ib_iser,iscsi_tcp,libiscsi2,scsi_transport_iscsi2,scsi_dh,libata,sd_mod

At this point you reboot the ClearOS VM:

shutdown –h now

and once it is back up then continue editing the files mentioned in the prior post (about the Release Candidate v2.1 driver). After editing is complete then one more reboot and everything should be working correctly.
 
 

Programma - Convertire un file pdf in doc gratis

Ecco un programma gratuito per convertire un file pdf in un file doc di word:

Nemo PDF to Word

http://www.nemopdf.com/pdf-to-word.html

Un altro programma è Flip PDF to Word:

Sono tre le funzioni principali di Flip PDF to Word: 

1. Batch Convert Mode, che permette la conversione di file PDF,

2. Hot Directories Mode, senza dubbio la funzione più interessante, con cui si può controllare, in tempo reale, una cartella qualsiasi e alla comparsa di un file PDF questo è automaticamente convertito in un documento di testo.

3. Command Line Mode, rende possibile la conversione da linea di comando.

Server - Wsus errore "You cannot run WSUS 3.0 SP2 under WOW64."

Quando uno installa WSUS 3.0 SP2 console su un sistema a 64 bit può apparire il seguente errore:

"You cannot run WSUS 3.0 SP2 under WOW64."

Questo errore è dovuto al fatto che stiamo installando il WSUS a 32 bit su un sistema a 64 bit.

http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?id=5216

Server - Royal TS versione del software gratuito

Siccome reputo molto interessante il prodotto Royal Ts e siccome è da diverso tempo a pagamento ho trovato in rete i link per il download di vecchie versioni comprese quelle gratuite:

Version 1.7.2:
Download Here

 
Version 1.7.1:
Download Here

 
Version 1.7.0:
Download Here

 
Version 1.6.10:
Download Here


Version 1.6.8 (recommended when you want to upgrade an old, pre 1.6 .rts file):
Download Here

 
Version 1.6.7:
Download Here

 
Version 1.5.1 (last freeware version):
Download Here

 
Version 1.4.4
Download Here


L'ultima versione invece è la seguente:

Royal TS v 2.0.1 


http://www.code4ward.net/main/RoyalTS/Download.aspx 

USB - Programma per creare in automatico autorun.inf

Ecco un utile programma visuale gratuito per creare in automatico, in base alle proprie esigenze il file autorun.inf da mettere in una chiavetta USB

AutoRun Maker

http://www.softpedia.com/dyn-postdownload.php?p=101066&t=4&i=1

Hyper-V - Console di gestione di Hyper-V


HyperV - Console di gestione di Hyper-V

1.) virtmgmt.msc utility standard

2.) SConfig.cmd

3.) Con powershell
Per poter utilizzare PowerShell in un’installazione Core occorre che siano installate le funzionalità NetFx2-ServerCore e MicrosoftWindowsPowerShell. E’ possibile verificare la presenza di tali funzionalità tramite il comando oclist o dism mentre è possibile installare le funzionalità mancanti tramite i comandi:
start /w ocsetup NetFx2-ServerCore
start /w ocsetup MicrosoftWindowsPowerShell

4.) Core configurator


che permette l’esecuzione di vari task di configurazione (Network, Licensing, DCPromo, ISCSI, Role & Features, Firewall, etc.).

Core Configurator non richiede alcuna installazione, ma è sufficiente :

-        scompattare i file contenuti in CoreConfig.zip e avviare Start_CoreConfig.wsf.
-        Al primo avvio Core Configurator controlla che siano installate le feature PowerShell (PowerShell 2.0) e NetFx2_ServerCore (.Net Framework 2.0)
-        N.B. Per gestire le macchine virtuali in cui è installato Windows Server 2008 e successivi in modalità Core è possibile utilizzare il file CoreConfig.iso per avere Core Configurator disponibile tramite immagine ISO.
-        Se è abilitato il ruolo Hyper-V il Core Configurator consente la gestione dell’avvio e dell’arresto delle VM.

5.) 5nine Manager for Hyper-V

- L’installazione richiede la funzionalità NetFx3-ServerCore

WinRM e WinRS
Occorre configurare il servizio WinRM sul server.
Il sistema operativo del client deve essere Windows XP SP3, Windows Server 2003 SP2 o successivo.
Remote Server Administration Tools
(RSAT)
Il sistema operativo del client deve essere Windows 7 o Windows Server 2008 R2 o successivo.

6.) Remote Desktop: 

Modo 1:

- In un’installazione in modalità Core è possibile abilitare la funzionalità di desktop remoto anche tramite lo script di sistema scregedit.wsf tramite il comando
cscript %windir%\system32\scregedit.wsf /ar 0
- che non fa altro che impostare a 0 la chiave di registro HKLM\ System\ CurrentControlSet\ Control\ Terminal Server\ fDenyTSConnections e abilitare l’eccezione Remote Desktop del firewall,
- Per consentire l’accesso a tutti i client e non solo a quelli che supportano l’NLA (Network Level Authentication) è possibile utilizzare il comando
cscript %windir%\system32\ scregedit.wsf /cs 0 
N.B. si noti però che in questo modo si riduce la sicurezza del sistema.

Modo2: 

Dal momento dopo l’installazione di un sistema Windows Server 2008 R2 le condivisioni amministrative e il servizio di Registro Remoto (RemoteRegistry) sono attive è possibile anche abilitare la funzionalità di desktop remoto da un client remoto tramite la seguente procedura eseguita dal Prompt dei comandi:
  • Connettersi al server tramite il comando
    net use \\server\ipc$
    con le credenziali dell’amministratore locale.
  • Aprire l’editor di registro tramite il comando regedit.
  • Connettersi al server tramite la voce Connetti a registro di sistema in rete… del menu File.
  • Impostare a 0 la chiave di registro HKLM\ System\ CurrentControlSet\ Control\ Terminal Server\ fDenyTSConnections.
  • Impostare la chiave REG_SZ HKLM\ SOFTWARE\ Policies\ Microsoft\ WindowsFirewall\ FirewallRules\ RemoteDesktop-In-TCP a “v2.0|Action=Allow|Active=TRUE|Dir=In|Protocol=6|Profile=Domain|Profile=Private|Profile=Public|LPort=3389|Name=@FirewallAPI.dll,-28753|Desc=@FirewallAPI.dll,-28756|EmbedCtxt=@FirewallAPI.dll,-28752|Edge=FALSE|” (questo consentirà l’accesso a tutti gli utenti)
  • Riavviare il server con il comando shutdown -m \\server -r -t 0
N.B.: questa procedura non configura il protocollo RDP in modo sicuro è quindi consigliabile usarla solo nel caso in cui si abbia non accesso alla console. Per impostare in modo sicuro l’accesso tramite il protocollo RDP aprire una sessione di Desktop Remoto riconfigurare il protocollo RDP tramite il Server Configuration Tool.

OSS: La possibilità di poter accedere alle condivisioni amministrative e il servizio di Registro Remoto (RemoteRegistry) remotamente è consentita dal fatto che in ambiente Windows Server 2008 R2 sono abilitate per default le Inboud Rules relative al DFS che consentono il traffico in entrata per SMB (porta TCP 445).
in ambiente Windows Server 2008 R2 sono abilitate per default le Inboud Rules relative al DFS che consentono il traffico in entrata per WMI (porta TCP 135 per il servizio rpcss e TCP Any per il servizio winmgmt).

7.) WinRM e WinRS

La componente client della tecnologia Windows Remote Management è costituta da WinRS, che implementa una Shell testuale per permette l’ esecuzione di comandi e script su di una macchina remota in cui è stato abilitato WinRM. Di seguito un esempio dei comandi remoti utilizzabili:

winrs -r:machinename dir 
winrs -r:machinename msiexec.exe /i c:\install.msi /quiet


Per configurare WinRM è possibile utilizzare il comando 

winrm qc
 
che provvede ad eseguire le seguenti operazioni:
  • Avvia il servizio WinRM e lo configura per l’avvio automatico
  • Crea un listener http
  • Crea un’eccezione nel firewall per WinRM
Dopo l’esecuzione del comando winrm rimarrà in ascolto sulla porta TCP 5985 utilizzando il protocollo http.
Per impostazione predefinita WinRM utilizza Kerberos per l’autenticazione se il client è in dominio e NTLM se è in workgroup, per avere l’elenco delle impostazioni di autenticazione utilizzare il comando
winrm get winrm/config
Inoltre se sul server è disponibile un certificato digitale, anche autofirmato, per il computer locale con CN uguale all’hostname è possibile configurare WinRM per l’utilizzo di HTTPS (su porta TCP 5986) per criptare la sessione tramite il comando 

winrm quickconfig -transport:https


Configurazione di WinRS sul client

Per connettersi tramite WinRS ad un server in cui è stato configurato il servizio WinRM occorre che siano rispettate le seguenti condizioni:
  • I comandi inviati tramite WinRS devono essere eseguiti sul server con credenziali aventi privilegi di amministratore locale.
  • Il sistema operativo del client deve essere Windows XP SP3, Windows Server 2003 SP2 o successivo.
  • Sul client deve essere disponibile WinRS 2.0 nativamente inclusa in Windows Server 2008 R2 e Windows 7, mentre per Windows XP SP3, Windows Server 2003 SP2, Vista SP1 e Windows Server 2008 SP2 è disponibile il Windows Management Framework Core package (Windows PowerShell 2.0 and WinRM 2.0).
  • I comandi o gli script eseguiti tramite WinRS non devono avere interfaccia grafica, questo significa che eventuali MessageBox informative o che richiedono conferme non verranno visualizzate interrompendo il comando o lo script (si noti quindi che alcuni comandi offerti dal Server Configuration Tool quali ad esempio il riavvio non potranno essere utilizzati).
Di seguito vengono riassunti i requisiti necessari per poter avviare dal client una sessione WinRS tramite il comando:

winrs –r:ServerHostname command 

dove ServerHostname è il nome NetBIOS o FQDN del server, ad esempio:

winrs –r:srvhv01 cmd.exe
 
8) Hyper-V Guest Console

http://hvgc.codeplex.com/

Risulta quindi di particolare utilità per permettere a consulenti esterni o utenti di eseguire le operazioni consentite sulle macchine virtuali di loro competenza.
Oltre alla gestione delle operazioni di normale manutenzione sulle macchine virtuali è possibile monitorare le informazioni di sistema, il carico della CPU, la situazione dei dischi virtuali e la configurazione di rete della VM.

9)  Remote Server Administration Tools (RSAT)

virtmgmt.msc


Un altro strumento che possiamo utilizzare per la gestione remota di un server Hyper-V sono i Remote Server Administration Tools (RSAT),




Notizie estrapolate dai seguenti articoli:

http://blogs.sysadmin.it/ermannog/archive/2011/12/02/gestione-di-hyper-v-tramite-tool-nativi-e-di-terze.aspx

Hyper-V – Gestire l’hardware remoto


Ecco l’articolo per risolvere il problema


Nella finestra dell’mmc.exe Add or Remove Snap-Ins aggiunger il Group Policy Object Editor, e cliccare su Add.

Dal Select Group Policy Object collegarsi sul server remoto.

Nel Group Policy Object remoto navigare su Computer Configuration -> Administrative Templates -> System -> Device Installation.

  1. Abilitare Allow remote access to the PnP interface.

Riavviare la server core

Eseguire Computer Management remoto, si noterà che adesso si potrà installare il tutto.

Hyper-V - Installare patch



Ecco un interessante articolo che mostra di come e quando installare le patch in una versione Core di Hyper-V:


1. Estrapolo dall’articolo un interessante tool:
Run Start_Coreconfig.wsf to start the tool.

2. You can also use the following script sample from MSDN:
Searching, Downloading, and Installing Updates: http://msdn.microsoft.com/en-us/library/aa387102(VS.85).aspx

Hyper-V - Tips nel caso in cui un pc non riesce a contattare il dominio dopo roll back di una macchina virtuale


Tips nel caso in cui un pc non riesce a contattare il dominio dopo roll back di una macchina virtuale “Windows cannot contact the domain”

1. La soluzione è di mettere e togliere dal dominio

2. Si può usare il comando netdom.exe dal support tools.

Download details: Windows Server 2003 Service Pack 1 32-bit Support Tools

N.B.: In Windows Server 2008/Windows 7, netdom è automaticamente implementato nel S.O.

Aprire il prompt dei comandi e dare
netdom.exe remove winxp-cl1 /Domain:dominio.local /userd:dominio\administrator /passwordd:***************

Riavviare

Next type:

netdom.exe join winxp-cl1 /Domain:dominio.local /userd:dominio\administrator /passwordd:***************

Articolo di riferimento:

Hyper-V - Tips nel caso in cui si sia fatto il rollback di una macchina virtuale in un dominio



Per evitare che appaia un errore che il dominio non è raggiungibile, dopo che vi è stato un rollback di una macchina virtuale dobbiamo eseguire alcuni workaround.

HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\NetLogon\Parameters

DisablePasswordChange (default off) prevents the client computer from changing its computer account password. To disable, give it a value of 1.

MaximumPasswordAge (default 30 days) determines when the computer password needs to be changed. Change it to whatever number of days you think may be enough. For example, if you use snapshots that are less than 100 days old, then you can set this value to 100 or similar.
Settings can also be configured by using Group Policy (either domain-based GPO or local):

Computer Configuration\windows Settings\Security settings\Local Policies\Security Options

Domain member: Disable machine account Password changes

Domain member: Maximum machine account Password age

Hyper-V - Migrare VM fra vari host



Per esportarla tenere a mente che I due host abbiano le stesse virtual network e processore dello stesso tipo.

Spegnere la macchina virtuale ed esportarla con il tasto destro del mouse

Esportare in una cartella possibilmente con lo stesso nome originario.

Andare sul secondo host Hyper-V cliccare con il tasto destro del mouse e scegliere import (scegliere l’opzione Move).

Non accendere mail in contemporanea le macchine virtuali.

Articolo di riferimento:

Hyper-V - Comandi utili


Per installare un driver, andare nella cartella dei driver con nome driver.inf e dare il seguente comando

pnputil -i -a driver.inf


Aggiungere un utente al gruppo amministratore locale:

net localgroup Administrators /add utente


Per rimuovere

net localgroup Administrators /delete utente
 
Per avere la lista dei driver installati:

sc query type= driver

Per vedere gli eventi:

wevtutil el

Per fare una query:

wevtutil qe /f:text 

per visualizzare la lista dei servizi:

sc query oppure net start

sc start
 
per vedere i servizi:

tasklist

taskkill /PID 

Per abilitare la gestione remota tramite MMC

netsh advfirewall firewall set rule group="Remote Administration" new enable=yes

netsh advfirewall set currentprofile settings remotemanagement enable


start /w ocsetup 
Note: Using /w prevents the command prompt from returning until the installation completes. Without /w, there is no indication that the installation completed. Where featurename is the name of a feature from the following list:
Note: To install the remote administration tool for BitLocker, type the following at a command prompt:
start /w ocsetup BitLocker-RemoteAdminTool
 
  • Backup: WindowsServerBackup
  • Simple Network Management Protocol (SNMP): SNMP-SC
  • Windows Internet Name Service (WINS): WINS-SC
  • Telnet client: TelnetClient
Note: To remove an optional feature, use start /w ocsetup with the appropriate role name and the /uninstall switch.
shutdown /r /t 0

Tips - Errore 800f0a12 durante installazione SP1 di windows 7

Può capitare durante l'installazione del SP1 in Windows 7 che appaia l'errore 0×800f0a12

Questo capita sui sistemi che, oltre a windows, hanno in un altra partizione il linux.

Per risolvere, occorre lanciare Gestione Disco e impostare la partizione di sistema di Windows 7 come attiva. Facendo ripartire Windows in queste condizioni il Service Pack 1 si installerà senza “discutere”.

Una volta terminata l’installazione del SP1, è possibile impostare nuovamente attiva la partizione Linux o quella, comunque, dove si trova il boot loader (quasi sempre GRUB).

USB - Creare una USB di boot con windows XP/2000/2003

Nei precedenti articoli avevo proposto un'utility per scrivere un'immagine live di un cd in formato ISO su una chiave USB. Il tutto per creare una chiave autoavviante (ipotizziamo nel caso in cui il pc non abbia un CD-rom)

I programmi proposti nei precedenti articoli:



Purtroppo non fanno al caso nostro.

Grazie al suggerimento di un mio amico (Marcello) mi permette si proporre il seguente programma che funziona perfettamente per iso di Windows XP/2000/2003
Per maggiori info sull'utilizzo andare al seguente link:

http://www.windowsvalley.com/install-windows-2000-xp-2003-using-usb-storage-device-pen-drive/

Windows 7 - Impossibile accedere al profilo oppure danneggiato

In caso di errore sul profilo (danneggiato o impossibilità ad accedere) si può far riferimento a questa KB (http://support.microsoft.com/kb/947215/it) per cercare di risolvere il problema mettendo mani al registro e copiare i dati in un nuovo account.

Alternativamente Microsoft ha messo a disposizione una image per eliminare l'errore SID e creare un nuovo profilo prelevabile a questo Link.

Scripting - Verificare la presenza di un processo ed avviare il servizio relativo

Di seguito un esempio di script per avviare Notepad se non trovato tra l’elenco dei processi.
tasklist /fi "imagename eq notepad.exe" | Findstr /I "notepad"
if %errorlevel% == 0 goto END
if %errorlevel% == 1 goto CREATE
:CREATE
start notepad.exe :END
Su sistemi con sistema operativo precedente a Windows XP è possibile invece utilizzare l’utility PSList di Sysinternals che può essere eseguita anche su NT e Windows 2000.
Di seguito lo script precedente modificato per utilizzare PSList.
pslist notepad > nul
if %errorlevel% == 0 goto END
if %errorlevel% == 1 goto CREATE
:CREATE
start notepad.exe :END

Linux - Monitorare i security updates per CentOS 5.x tramite Nagios

Vista l'importanza di controllare gli aggiornamenti sui server linux ho trovato un tutorial che permette di installare Nagios per monitorare lo stato di un server linux remoto:

http://nolabnoparty.com/monitorare-i-security-updates-per-centos-5-x-tramite-nagios/

720check